Sommario della pagina:
stampa questa paginastampa questa pagina
Personalizza lo stile

Approfondimenti araldica civile

Famiglie sulmonesi

Nel 1572, a sette anni dalla loro promulgazione, anche Sulmona adottò gli Statuti di Cosenza che dettavano nuove norme sull'elezione degli Officiali deputati al governo della città e precise disposizioni sull'accesso alle cariche pubbliche, in gran parte riservate ai soli esponenti delle casate nobili. Di conseguenza, fu necessario compilare tre liste, ben distinte e separate, delle famiglie con "diritto di voce" nel Parlamento cittadino, "tanto delli nobili quanto delli onorati cittadini, non facendo arte alcuna (...) et delle casate degli uomini artesciani". Tra i nobili furono censite 42 casate, con 104 famiglie ramificate, mentre tra gli onorati del popolo si contarono 65 casate, con 91 ramificazioni; in totale 195 capifamiglia, un numero che il Regio Consiglio ritenne sufficiente a garantire l'elezione degli Officiali, ma che di contro sancì la definitiva esclusione dei "popolani artigiani (...) che fanno arte manuale" dall'amministrazione della città.

FAMIGLIE NOBILI DI SULMONA CENSITE NEL 1572 (dal ms. di Vincenzo Mezzara, anno 1661, conservato nella Biblioteca "Ovidio" di Sulmona)

La croce che precede alcuni cognomi connota i casati più antichi e più importanti: + Mezzara, + Muori alias Mori, de Cesare vel de Paulo de Marino de Antonio, + de Corvis, + de Raynaldis, + de Martini , + Odorisio, + Capograssi, + Quatrari, Pier Raynaldi, d'Evangelista, + de Sanitate, + De Vecchis, d'Honofrio, + de Letis, + de Capito, Columbini, de Scalis, + Sardi, Pontadera, de Canibus, + de Mattheis, + Rossi, Pietr'Antonio, Veraldi, Poppletis, + de Amone, + Trasmundi, de Berardino seu Grua, de Blasio, de Vefris, Grandevo, Gasparri, Scaravalli, Sauri, Liberati, de Tinto, de Silvestris, + Tabassi, de Parentelis, Soggeccio, de Iustis, Acuti, Monte
NOBILES QUIA DOCTORES
Giovanni de Meis UID, Berardino de Alfonsi, Vincenzo Monte, Alessandro Giusti, Geronimo Magagnino, Horatio Monte, Giuseppe de Silvestris
LISTA DI QUELLI CHE STANNO IN POSSESSIONE DE OFFICII ET LUOGHI NOBILI
Scipione de Meis, Marco Sancto, Antonio de Nonni, Cesare de Abbatis, Io. Carlo de Nigris filius Ovidii, Camillo de Notaro Pietro Giacomo Vandutio, Francesco de Alis, Io. Iorio Acuto
FAMIGLIE NOBILI ESTINTE PRIMA DEL 1572
Aristotele, Baldovino, Capocci, Mariani, Meliorati, Merlini, Sermanenti
FAMIGLIE AGGREGATE AL SEGGIO DEI NOBILI DOPO IL 1572
Ginnetti, Pietropaoli baroni di Molina(1620), Canofoli nobili di Castel di Sangro (1682), Magagnino di Sulmona (1682), de Petris baroni di Castiglione della Pescara (1697), de Bernardis nobili di Ortona a Mare (1699), Paolini baroni di Ortona de' Marsi e Carrito (1699).
CASATE DEL POPOLO DELLA M.CA CITTÀ DI SOLMONA CHE NON FANNO ARTE MANUALE
Notai: Pietro Iacono Vendutio, Ercole Pistocchio (alias Pistacchio), Gio. Batt. Tofano, Scipione Negro, Lisio Manerio, Batt. Palino, Batt. De Acetis, Geronimo de Franc.[esco], Benedetto de Abbatis, Gio. Santo Paulino, Giulio Campano, Pietro Tronca, Gio. Batt. d'Antonuccio, Francesco Capirto, G. Berardino Rotolo, Vincenzo Rotolo, Gio. Giacomo Ciofano, Gasparro Carrozzo, Paulo de Paulutiis
Famiglie Onorate del Popolo: Alfonsi, De Martino de Solani, Sancti, de Monte, de Gentile, del Conchione, de Fruscinetta, de Giardino, Lucchese, Pallulo, Ciofano, Bonocitolo, Cola de Cicco, de Finocoli, Ginnetti, Carrozzo, de Acetis, S. to Amico, Vandisci, Magagnino, Anchielli, de Sanctis, Pernice, Berardo, Paulino, Dorutio, Honofrillo, Colabuccio, de Costantino, d'Ant.o Tomaso, d'Opera, del Pupo, Todesco, Tomassi, Rotolo, Organista, Antonuccio, Nicolia, Petrillo, Pistacchio, Campana, Fruscinetta, Veloce, M.o Antonio
FAMIGLIE AGGREGATE AGLI ONORATI DEL POPOLO DOPO IL 1572
Anno 1682: Donatone, Poilluccio, Fidati, Ognibene, Zibrari, Oddi, anno 1700: Picchieri.

Per completare il quadro sociale nella Sulmona della seconda metà del Cinquecento, si elencano i capifamiglia "POPOLANI ARTIGIANI (...) CHE FANNO ARTE MANUALE", per i quali l'adozione dello Statuto di Cosenza decretò l'esclusione dal governo dell'Universitas sulmonese:

  • In Casa de Meis: Prospero et Ercole (orefici)
  • in Casa Moschetti: Francesco e Matteo (conciatori di corde)
  • in Casa de Colant.o: Colantonio (fornaio et altre arti de legname)
  • in Casa Marcelli: Pietr'Angelo e Silvestro (conciatori e calzolari), Gregorio (ferraio), Giuseppe (ferraio et conciatore), Gio. Batt. (arte dei metalli)
  • in Casa Ballani, Aquilani: Marc'Antonio et Gio. Antonio (stagnari)
  • in Casa Scarapalli: Colella et Gio. Batt. (orefici)
  • in casa Bruno: Mastro Pietro (scarparo)
  • in casa Conchione: Gio. Batt. (orefice)
  • in Casa Manerio: Restayno (orefice)
  • in Casa Ciccone: Pietro (lavora candele de sevo)
  • in Casa Campana: Marco et Ascanio (merciari)
  • in casa de Facibuccio: Gio. Vincenzo (scarparo)
  • in Casa Fruscinello: Pietro Luca (arte de campagna)
  • in Casa de Massa dell'Abbate: Massa (scarparo) e Benedetto (ferraro)
  • in Casa Carnassale: Angelo e Francesco (molinari)
  • in Casa Colia: Cola (de tenieri de Archibugi)
  • in Casa Molinari: Cola, Gaspario, Nanni, Battista e Domenico (molinari), Antonio (mulattiere)
  • in Casa Palluto: Pompilio et Ettorre (conciatori di corde)
  • in Casa Imbastari: Cantelmo et Vergilio (imbastari)
  • in Casa Ciofano: Berardino e Gasparro (ontaroli)
  • Iacobo d'Eramo (calzolare)
  • Gregorio di Pietro S.to (ogliarolo)
  • Gio. de Casciano (ogliarolo)
  • Antonio Ciccarone (arte de campagna)
  • Antonio Cocco (ontarolo)
  • in Casa de Cola de Cicco: Gio. Batt. (conciatore de corame), Geronimo (bifolco)
  • Horatio Cicco Grande (argentiero)
  • in Casa de Sibillo: Pietro et Gio. Batta (calzolaro)
  • Cola Paoulo Rabasso (vetturale)
  • in Casa Carrozzo: Battista (arte de campagna), Berardo de Marracano (arte de sonare)
  • Pietro de Acetis (orefice), Giulio Cascarello (orefice)
  • Ludovico Magagnino (ferraro)
  • Francesco Girardo (pellettiere)
  • Gio. Batt. Berardo (setarolo)
  • in Casa Leopardi: Censo (calzolaio), Leonardo (barbiere)
  • Berardino Honofrillo (ferraro)
  • in Casa Paulino: Paolo Felice (arte de campagna), Antonio (vagabondo)
  • in Casa Dorutio: Antonio et Cesare (tinari)
  • Peppo Capirto (imbastaro)
  • in Casa Honofrillo: Bartolomeo (tintore), Cesare ditto panaccio (fornaro)
  • Vincenzo Colabuccio (ferraro)
  • in Casa di M.o Antonio Maria: Antonio e Battista (cirusici), Gasparro (cimbatore)
  • in Casa d'Opera: Luca (ontarolo), Marino (arte de campagna), Tomaso (barbiere)
  • Paulo de Passacantando (ontarolo)
  • in Casa de Troiani: Ascanio (arte de mulattiero), Cesare (sellaro)
  • in Casa de Niello: Colantonio, Battista, Giulio, Cesare (d'acconciare Archibugi à focile), Polito (arte de campagna, ramaro)
  • in Casa de Pupo: Francesco de Marco (ontarolo), Gasparro (arte de campagna), Lodovico (imbastaro), Gio. (fiaschettaro)
  • in Casa Mataluni: Pietro Cola (arte de campagna), Mataluno (chirurgico et barbiere)
  • in Casa Pelaloca: Pietr'Angelo, Camillo, Marino detto l'arsuro (calzolari), Pompeo (barbiere)
  • in Casa Pellicciaro: Berardino, Nardo (scarparo)
  • in Casa Palumbo: Pasqualone, Mariano e Guiduccio (calzolai), Felice e Polito (de zoccoli), Lopez (de fraschetti)
  • in Casa Todesco: Francesco e Gio. Antonio (tinari)
  • Camillo de Io. De Stefano (orefice)
  • Sciore et Pietro Antonio de Pantano (arte de campagna)
  • in Casa Rotolo: Paolino, Ottaviano, Camillo et Cola Nanni (bifolco)
  • in Casa Francalancia: Gio. Lorenzo e Gratiano (calzolari), Venditto et Gio. Iacomo (smerciatori di corame)
  • in Casa d'Antonucci: Gio. Antonio de Martino (calzolaro), Giov. Giuseppe e Cesare (conciatori di corame)
  • Pietro de Colaruscio (orefice)
  • in Casa de Venditti: Venditto (calzolaro), Nofrio (conciatore de corame)
  • in casa Bausso: Marino Vincenzo (fiaschettaro), Gio. (fabro de legname)
  • in Casa de Berardino de Lanciano: Gio. Batta et Loyse (sellari)
  • in Casa di Nicola: Domenico et Iacobuccio (ferrari)
  • Antonio et Iulio de Stella (orefici seu argentieri)
  • Giovanni del Secreto (ferraro)
  • Aniballe Petrelli (vagabondo)
  • Carlo [?] (orefice), Paulo [?] (vagabondo)
  • Panfilo de Pietro madalena (orefice)
  • Giuseppe de Berardi Saccoccia (calzolaio). Da notare che nella sequenza numerica mancano i riferimenti 15 e 23