Sommario della pagina:
stampa questa paginastampa questa pagina
Personalizza lo stile

Castelli Provincia di Chieti

Castello Masciantonio

Comune:  Casoli
Come arrivare:  A24/A25 RM-PE uscita Chieti/ proseguire sulla SS 81 direzione Bucchianico/ Guardiagrele/ Casoli da Napoli: A1 NA-RM uscita Caianello/ seguire indicazioni per Castel di Sangro/ S. Angelo del Pesco/ Casoli
Notizie:  Il castello di Casoli è posto in cima all'abitato, su di un colle alla destra del fiume Aventino da cui domina la sottostante valle fluviale con il grazioso lago S. Angelo e le colline circostanti. Nessun documento ci attesta l'epoca di costruzione del castello ma di certo le sue vicende si intrecciano con quelle del feudo di Casoli che dapprima fece parte della Contea di Manoppello (XII sec.) e poi, dal 1369 fino al 1489, fu feudo degli Orsini, sotto il cui casato si può far risalire la costruzione dell'attuale fabbrica, che divenne in seguito possedimento della Famiglia D'Aquino. Si può solo ipotizzare che il nucleo originario del complesso fortificato sia da identificarsi con l'alta torre puntone pentagonale, eretta per ragioni difensive a controllo delle valli dell'Aventino e del Sangro e attualmente inclusa fra l'abside della Chiesa di S. Maria Maggiore ed il castello stesso, di cui sorveglia l'ingresso. Il blocco residenziale del castello, che si estende attorno ad un cortile quasi rettangolare, è da ritenersi invece di epoca rinascimentale; in particolare il corpo maggiore, posto sul lato meridionale del cortile, che costituisce il castello vero e proprio, mostra chiari caratteri di edificio ad uso abitativo. Quest'ultimo è infatti caratterizzato da un ingresso archiacuto spostato in prossimità della torre, da ampie finestre che ne accentuano la natura di palazzo nobiliare, da un elegante coronamento con apparato a sporgere, costituito da mensole aggettanti in mattoni che reggono archetti acuti. Anche la torre appare coronata, ma con un apparato a sporgere diverso, più evoluto, caratterizzato da beccatelli in pietra e caditoie. La storia novecentesca del castello è legata al nome della famiglia Masciantonio che ne rimase proprietaria fino al 1981 e che ospitò ripetutamente Gabriele D'Annunzio che qui soggiornò, spesso in compagnia di Michetti, Tosti, Scarfoglio e De Titta. Recentemente l'intero complesso è stato oggetto di restauro.
Informazioni:  Municipio tel. 0872-99281
Stato di agibilità:  Agibile
Casoli, Castello Masciantonio, veduta d'insieme