Sommario della pagina:
stampa questa paginastampa questa pagina
Personalizza lo stile

Chiese medievali Provincia di Teramo

Chiesa di San Vito

Comune:  Valle Castellana
Frazione:  San Vito
Come arrivare:  A24/ A25 RM-TE uscita Teramo; SS 80 da Napoli: A1 NA-RM uscita Caianello/ seguire indicazioni per Roccaraso/ Sulmona/ A25
Notizie:  La chiesa di San Vito è localizzata nel piccolissimo centro abitato denominato San Vito, una delle tante frazioni del comune di Valle Castellana. Siamo in un territorio che ha molto risentito dell'influenza degli insediamenti benedettini che hanno a loro volta condizionato l'architettura ecclesiale. Come molti altri abitati anche quello di San Vito è sorto intorno alla chiesa omonima da cui ha preso la denominazione. La chiesa risale alla prima metà del XII secolo di cui conserva ancor oggi elementi strutturali. Essa risente dell'influsso franco-carolingio e testimonia il contatto dell'intera zona teramana con la cultura medievale francese. E' una realizzazione benedettina che risente dei motivi stilistici settentrionali provenienti dai monasteri francesi. L'aspetto più interessante dell'edificio è, per la sua rarità, la tipologia costruttiva. Purtroppo l'impianto originario è stato fortemente compromesso da lavori di restauro realizzati negli anni trenta del Novecento che tuttavia non impediscono una ricostruzione della struttura primitiva molto simile a quella di altre chiese rurali della regione. Questa era ad una sola navata terminante in un'abside con copertura a capriate a vista. La copertura della calotta dell'abside con lastre di pietra a gradoni è un sistema tipicamente medievale. All'esterno una caratteristica si riscontra nel campanile. Costruito sulla facciata in posizione avanzata e in asse con la navata, esso presenta uno particolare sviluppo in senso verticale. A giustificare quest'ultimo aspetto è l'influsso dell'architettura carolingia che gli fa assumere l'aspetto di una torre in funzione di difesa e di avvistamento. Per la maggior parte della sua espansione si presenta chiuso come una torre di difesa, mentre alla base è un'apertura di ingresso alla chiesa ed in alto, ad un primo livello, sono quattro piccole bifore, una per lato. Il fatto che esso sia staccato dal resto dell'edificio può far pensare che esistesse già all'epoca di costruzione della chiesa come elemento integrante di un sistema difensivo territoriale riconvertito alla nuova funzione solo in epoca più tarda rispetto alla costruzione originaria. Una modifica di rilievo è quella apportata negli anni trenta del Novecento con l'aggiunta di una navata sul fianco sinistro in posizione trasversale rispetto a quella esistente; sulla parete destra venne eliminata una sovrastruttura costituita da una casetta addossata alla chiesa. A questi interventi si unì un restauro completo della chiesa e del campanile, già gravemente lesionati a causa di uno smottamento franoso del terreno. Un secondo restauro risale agli anni Sessanta ad opera della Soprintendenza di L'Aquila. Nell'ultimo decennio del secolo scorso nuove scosse telluriche hanno causato crepe di cedimento e richiesto un altro intervento restaurativo.
Informazioni:  Municipio tel. 0861-93130
Stato di agibilità:  Agibile
Valle Castellana, chiesa di S. Vito, prospetto laterale
Valle Castellana, chiesa di S. Vito,campanile
Valle Castellana, chiesa di S. Vito,retro