Sommario della pagina:
stampa questa paginastampa questa pagina
Personalizza lo stile

Eremo - Provincia dell'Aquila

Grotta di San Benedetto

Comune:  Massa d'Albe
Tipologia:  Eremo-Grotta
Come arrivare:  A24 RM-TE uscita Magliano dei Marsi/ proseguire in direzione Massa d'Albe da Napoli: A1 NA-RM uscita San Vittore/ seguire indicazioni per Sora/ Avezzano/ Magliano dei Marsi/ Scurcola Marsicana/ Tagliacozzo/ proseguire in direzione Massa d'Albe
Notizie:  La grotta di San Benedetto, detta anche grotta del Cristiano, si apre sulle pendici del Monte Cafornia, in una piccola valle di Massa d'Albe. Il romitorio, largo più di 20 metri, è diviso in due parti comunicanti tramite una breve galleria: dalla zona d'ingresso, la parte più ampia ed alta, si giunge ad un ambiente più piccolo e basso, dove troviamo rarissimi segni della presenza eremitica ma numerose testimonianze della devozione popolare. In una specie di abside naturale, sulla parete della grotta, sono presenti numerose immagini sacre di piccole dimensioni. Muzio Febonio scrisse dell'esistenza della grotta e di un eremita che l'abitò, ma non accenna il periodo: "...contemplationi deditum in remota solitudine ad Velinum Montem in quodam antro, quod ad odiernum diem (la grotta del cristiano) appellant...". Il Corsignani racconta della sepoltura dell'eremita nella chiesa di San Pietro ad Alba Fucens: "...dentro del Presbiterio in cassa di pietra con un cancello di ferro riposa il corpo del Beato Benedetto Francescano, o di altra religione, forse nativo dè Marsi. Stando egli in contemplazione nel monte Velino e propriamente in una grotta quivi sopraffatto da Celestiale conforto, passò alla Gloria decorato da Dio con portentosi miracoli...". La tradizione locale ricorda numerosi miracoli attribuiti all'eremita dopo la morte a testimonianza della sua santità, tant'è che i fedeli trasferirono il corpo dalla grotta alla chiesa di San Pietro in Albe, dove venne posto dapprima sotto l'altare maggiore e poi in un'urna di pietra locale, che oggi può essere probabilmente riconosciuta nel sarcofago di epoca medioevale conservato nella cripta della chiesa albense.
Informazioni:  Curia diocesana tel. 0863-791346; Municipio tel.0863-519144
Stato di agibilità:  Agibile