Sommario della pagina:
stampa questa paginastampa questa pagina
Personalizza lo stile

Eremo - Provincia dell'Aquila

Chiesa della Madonna di Coccia

Comune:  Campo di Giove
Tipologia:  Chiesa rupestre/ Grotta
Come arrivare:  A24/A25 RM-PE uscita Pratola Peligna/ seguire indicazioni per Sulmona/ Cansano/ Campo di Giove da Napoli: A1 NA-RM uscita Caianello/ seguire indicazioni per Castel di Sangro/ Roccaraso/ Rivisondoli/ Pescocostanzo/ Cansano/ Campo di Giove
Notizie:  Tra Campo di Giove e Palena, in localitą Guado di Coccia, sotto il valico s'incontrano i ruderi della chiesa della Madonna di Coccia. La costruzione si appoggia posteriormente ad una grande roccia e si adatta al ripido pendio. La parte cultuale (6,2 x 4,35 metri), costruita nella parte nord, conserva una parte delle mura perimetrali e, sulla facciata, due finestre in pietra grigia; l'architrave č a forma di lunetta e reca un'iscrizione realizzata in occasione del restauro: "D.O.M./ AD ONOREM B.V. MARIA/ MICHELE VELLA P. SUA/ DIVOTIONE RESTAURAVIT/ A.D. 1748". Le due finestre con ampia cornice (54 x 74 cm.), molto simili a quelle di San Michele Arcangelo a Pescocostanzo, nella parte superiore riportano la scritta: "REFUGIUM PECCATORUM/ CONSOLATRIX AFLICTORUM". La parete di fondo della chiesa, sopra l'altare, conserva i fregi in stucco e la cornice dove era posto il bassorilievo della Madonna trafugato qualche anno fa. Dell'altare restano poche pietre della base e sul muro sono visibili tre imposte di volta realizzate con materiale poroso per esaltare ed evidenziare la differenza con la parete. L'ambiente vicino alla chiesa, sicuramente a due piani, costituiva la zona abitativa che conserva quasi integre le mura perimetrali. L'ingresso al primo piano conduceva a due ambienti privi di finestre e adibiti in precedenza a stalla o legnaia. Il piano superiore, collegato al piano terra tramite una ripida scalinata, era pavimentato in mattonelle in cotto rettangolari, ancora visibili in alcuni tratti del muro perimetrale. Oltre alla carenza di notizie storiche, inesistenti sono anche le leggende legate a questo luogo di culto; dalle testimonianze della popolazione si evince solo come la costruzione del vicino monastero di San Nicola abbia oscurato completamente la chiesetta della Madonna di Coccia.
Informazioni:  Municipio tel. 0864-40116
Stato di agibilitą:  Agibile