Sommario della pagina:
stampa questa paginastampa questa pagina
Personalizza lo stile

Fontane Provincia dell'Aquila

Fontana di Piazza Duomo a pič di Piazza nota anche come Fonte Vecchia di L'Aquila

Comune:  L'Aquila
Come arrivare:  A24, uscita L'Aquila
Notizie:  Lunga ed incerta č la storia delle due Fontane gemelle di Piazza Duomo. Secondo l'Antinori le due fontane ci sono sempre state tuttavia le prime documentate notizie a riguardo risalgono al 1300, epoca in cui si provvide alla messa in posa delle due vasche a seguito della costruzione dell'acquedotto e della selciatura della Piazza. Sempre l'Antinori cita un restauro della fontana Vecchia avvenuto nel 1380 a seguito di un terremoto. Una testimonianza iconografica della Fontana, per quanto vaga possa essere, ci č data dalla pianta prospettica del Fonticulano del 1575. Durante i lavori di restauro del 1676 la Fontana fu rialzata di tre gradini e dotata di quattro bocche d'acqua. Il terremoto del 1703 provocņ gravi danni che vennero riparati nell'autunno del 1727 da Antonio Longhi e Benedetto Rigoli milanesi e da Matteo Volpini di Arischia, furono nel contempo apportate varie modifiche e la pietra aggiunta fu modellata dal mastro scalpellino Francesco Panetta di Poggio Picenze. Con l'ottocentesco programma di riqualificazione della Cittą, si provvide alla sistemazione delle Fontane, previa risoluzione del problema della reperibilitą dell'acqua, che portņ a due livellamenti del terreno effettuati dalla Ditta Tollis di Navelli. Infine il 20 agosto del 1834 fu sottoposto ad approvazione il progetto delle due Fontane redatto dal Tenente Colonnello del Genio Gennaro Loiacono. I lavori, iniziati immediatamente, furono interrotti tra il 1836 ed il 1838 per provvedere alla separazione dei due condotti. Durante l'interruzione la Fontana Vecchia, la prima ad essere ricostruita, subģ furti ed atti vandalici come gią avvenuto in precedenza. I lavori ripresero nel 1839 e terminarono nel 1844. Nel 1927 con l'entrata in funzione del nuovo acquedotto di Chiarino, che fece notevolmente aumentare la pressione dell'acqua, si rese necessario ampliare la vasca di raccolta rendendola pił profonda con l'abbassamento del selciato e con l'aggiunta di un bordo in pietra dura. Nell'ottobre dello stesso anno si diede avvio ai lavori affidati alla ditta dei fratelli Massimo e Davide Fonte con la direzione artistica dello scultore Nicola D'Antino. I lavori prevedevano anche la protezione provvisoria della vasca con un parapetto in ferro. Le pietre necessarie, delle cave di Torretta e di San Gregorio, furono fornite dallo scalpellino Ugo Foschi. La fontana č a tre bacini sovrapposti e culmina il alto con la statua, raffigurante un giovane uomo che sorregge una conchiglia, realizzata dallo scultore Nicola D'Antino e posta in opera nel 1929. La statua č meno definita dal punto di vista tecnico ed artistico rispetto a quella posta sulla Fontana a capo Piazza ed č posta al centro di un catino sostenuto da uno stelo centrale. Quattro delfini, posti in opera nel 1931, gettano acqua nella sottostante vasca circolare e fungono da elementi di raccordo tra il catino ed il pilone centrale. La Fontana termina in basso con un grande bacino circolare ed ha l' impianto idraulico basato su pompe di sollevamento con serbatoio di accumulo; č stata restaurata alla fine degli anni '90 del secolo scorso, sotto la sorveglianza della Soprintendenza per i Beni Ambientali, Architettonici, Artistici e Storici de L'Aquila.
Informazioni:  Municipio tel. 0862-6451
L'Aquila, Fontana di Piazza Duomo a pič di Piazza nota anche come Fonte Vecchia
L'Aquila, Fontana di Piazza Duomo a pič di Piazza nota anche come Fonte Vecchia, particolare 1
L'Aquila, Fontana di Piazza Duomo a pič di Piazza nota anche come Fonte Vecchia, particolare 2