Sommario della pagina:
stampa questa paginastampa questa pagina
Personalizza lo stile

Fontane Provincia dell'Aquila

Fontana delle 99 cannelle di L'Aquila

Comune:  L'Aquila
Come arrivare:  A24, Uscita L'Aquila
Notizie:  La fontana, anticamente detta Fonte della Rivera, è annoverata fra le più antiche dell'Aquila e si trova nel Rione della Rivera nella parte bassa della città antica, presso il fiume Aterno. Autorevoli autori ritengono che sia stata edificata nel 1272 dal maestro Tancredi di Pentima (attuale Corfinio) per volere del Governatore di L'Aquila Luchesino da Aleta. Tali notizie si deducono da una lapide scolpita sul fronte del Monumento riportata dal Mariani: URBS NOVA, FONTE NOVO VETERI QUOQUE FLUMINE GAUDENT HOC OPUS EGREGIUM QUI CERNIT AD OMNIA LAUDENT NON MIRERIS OPUS OPERIS MIRARE PATRONOS QUOS LABOR ET PROBITAS AQUILAE FACIT ESSE COLONOS GENTE FLORENTINUS ALETA PROBUS LUCHESINUS FONTIS OPUS CLARIS FECIT AEDIFICARI REGIUS HIC RECTOR AQUILAM DOTAVIT HONORE HAEC NIMIS ACCREVIT EIUS FACIENTE FAVORE ANNO DOMINI MCCLXXII MAGISTER TANCREDUS DE PENTOMA DE VALVA FECIT HOC OPUS Sotto la lapide vi sono due date 1744 e 1871 che probabilmente si riferiscono a due interventi di restauro. Il Gavini invece, dopo una attenta analisi degli elementi stilistici ritiene che l'opera, oggi ammirata, sia da attribuirsi al Quattrocento. La Fontana ha una pianta a forma di U posta in una piazzetta trapezoidale ed è costituita da tre vasche doppie che raccolgono l'acqua proveniente da 99 mascheroni. Naturalmente la Fontana che oggi vediamo è il risultato di numerosi interventi subiti nel tempo che ne hanno modificato l'originario aspetto. I prospetti, che culminano con un coronamento composto da architrave, fregio e cornice con gocciolatoio, hanno un paramento in pietra squadrata a due colori alternati: bianco e rosso, come la pietra usata per la chiesa di S. Maria di Collemaggio. I mascheroni, a motivi antropomorfi, zoomorfi sia reali che mitologici, sono alternati a formelle con rosoni. Delle vasche inferiori, anticamente destinate a lavatoi, quella centrale ha un parapetto con semipilastrini ottagonali. Nel 1744 fu selciato il piazzale e nel 1934 apposta la cancellata proveniente dal piazzale di S.M. di Collemaggio. Nell'ottobre del 1975 furono emessi tre francobolli nell'ambito della serie dedicata alle Fontane d'Italia in cui, a ricordare il capoluogo Abruzzese, è ritratta la celebre Fontana.
Informazioni:  Municipio tel. 0862-6451 IAT tel. 0862-410808
L'Aquila, Fontana delle 99 cannelle, particolare