Sommario della pagina:
stampa questa paginastampa questa pagina
Personalizza lo stile

Introduzione

La ricerca presentata in questa sezione nasce da una riflessione sul patrimonio abruzzese all'indomani del tragico terremoto che ha colpito l'area aquilana il 6 aprile del 2009. A seguito della ricognizione sui beni culturali abruzzesi danneggiati dal sisma, riportata nella sezione Beni culturali e Terremoto, si è voluto proporre ai lettori una panoramica su tutti i centri storici che costellano il nostro territorio. Qualche anno fa a tal proposito interveniva Antonio Paolucci, uno dei più noti storici dell'arte viventi:"Tutta l'Italia è un museo sotto il cielo che partecipa della vita contemporanea, con una frequenza e un'evidenza sconosciuta da ogni altra parte del mondo. Se è vero che tutti conoscono le grandi città d'arte italiane - Roma, Firenze, Venezia, Napoli, ecc. - è altrettanto vero che diffuso sul territorio nazionale, sparso per la provincia, ignorato dal turismo dei grandi numeri, giace un patrimonio di opere, monumenti, musei, di eguale importanza". Il presente lavoro, appunto, volge i riflettori su un Abruzzo minore, meno noto e tuttavia prezioso.