Sommario della pagina:
stampa questa paginastampa questa pagina
Personalizza lo stile

Introduzione

L'Abruzzo ancora oggi custodisce preziose testimonianze architettoniche e documentarie che narrano i primi anni della diffusione del messaggio francescano. Accanto ad insediamenti che mostrano chiaramente il loro volto francescano, ve ne sono altri che presentano solo poche tracce; altri ancora sono ormai del tutto scomparsi, per lasciare spazio a nuove edificazioni, o semplicemente sono abbandonati. Per questo diventa fondamentale il ricorso alle fonti che permettono di ricostruire anche la realtà degli insediamenti scomparsi e di recuperare la storia del francescanesimo abruzzese ai suoi albori tra XIII e prima metà del XIV secolo. Come punto di riferimento si è scelto il Provinciale Vetustissimum (Provinciale Ordinis Fratrum Minorum Vetustissimum Secundum Codicem Vaticanum nr. 1960, a cura di C. Eubel, 1892) redatto tra il 1334 e il 1344 da Paolino da Venezia, vescovo di Pozzuoli; un documento di particolare interesse e utilità in quanto registra le singole località sede di convento, distinte per ciascuna delle sei custodie francescane in cui era suddivisa la nostra regione: per l'Abruzzo (Provincia Pinnensis) sono così elencate le fondazioni della Custodia Teatina, Custodia Pennensis, Custodia Adriensis, Custodia Aprutina, Custodia Aquilensis, Custodia Marsicana. Ripercorrendo l'elenco, che accanto a noti insediamenti ne include altri oggi meno conosciuti, per ogni sede registrata si sono indicate le notizie documentarie e le testimonianze artistiche della presenza francescana. Il testo trecentesco mostra delle lacune riguardo il mancato inserimento di alcune fondazioni sicuramente risalenti al XIII - inizio XIV secolo, che comunque sono incluse nella nostra ricerca. Poiché i territori della provincia francescana non coincidono con i confini dell'odierno Abruzzo, si sono inseriti nella trattazione anche Vasto, Monteodorisio e Gissi, che al tempo appartenevano alla Custodia Civitatis della provincia pugliese-molisana, e Carsoli, facente parte della Custodia Reatina nella provincia romana; ugualmente si è incluso l'insediamento di Corvaro (frazione di Borgorose), il quale, nonostante oggi ricada nella provincia di Rieti, era annoverato tra le fondazioni della nostra Custodia Marsicana. Definizione dell'Abruzzo francescano * Capitolo generale di Assisi del 1217 (S. Francesco vivente) l'Abruzzo è compreso nella Terra Laboris (Terra di Lavoro); * Capitolo di Assisi del 1230: l'Abruzzo è provincia autonoma col nome di Aprutium; * Capitolo di Anagni del 1239: la provincia d'Abruzzo (Pennensis seu Aprutiorum) è divisa in quattro custodie (Pennese, Marsicana, Amiternina poi Aquilana, Teatina); * Capitolo di Narbona del 1260: la provincia abruzzese è definitivamente divisa in sei custodie (si aggiungono la Atriana e la Teramana) Dal Provinciale Vetustissimum di Paolino da Venezia IX - PROVINCIA PINNENSIS Custodia Teatina Teatinam (Chieti), Piscariam (Pescara), Francamvillam (Francavilla al Mare), Ortonam (Ortona), Lasanum (Lanciano), Palenam (Palena), Guardiam (Guardiagrele), Buclanum (Bucchianico); Custodia Pennensis Civitatem Pennensem (Penne), Lauretum (Loreto Aprutino), Catenianum (Catignano), Pontaria (Alanno), Tectum (Tocco Casauria), Manupellum (Manoppello); Custodia Adriensis Adriam (Atri), Pellinum (Cellino Attanasio), Vallem (Castiglione della Valle - Cavallaro o Isola del Gran Sasso?), Civitatem S. Angeli (Città S. Angelo), Silurum (Silvi), Montem Silvanum (Montesilvano); Custodia Aprutina S. Justa (S. Giusta in Montorio al Vomano), Teramnum (Teramo), Camplum (Campli), Civitellam (Civitella del Tronto), Controguerram (Controguerra), S. Omerum (S. Omero), S. Flavianum (Giulianova), Mirrum (Morro d'Oro); Custodia Aquilensis Aquilam (L'Aquila), Fonticulas (Fontecchio), Castrum Vetus (Castelvecchio), Ofenum (Ofena), Paperum (Popoli), Sulmonam (Sulmona); Custodia Marsicana Civitatem Marsicanam (Pescina), Sellanum (Celano), Avezanum (Avezzano), Corbarium (Corvaro, frazione di Borgorose - Lazio), Tolacotium (Tagliacozzo), S. Petrum (Albe, Massa d'Albe), Balsoranum (Balsorano). Fondazioni non inserite nel Provinciale Vetustissimum * S. Francesco di Castiglione a Casauria (già Castiglione alla Pescara - Pescara): vd. scheda; * S. Maria Maddalena di Civita d'Antino (L'Aquila): vd. scheda; * S. Gabriele dell'Addolorata di Isola del Gran Sasso (Teramo): vd. scheda; * S. Francesco di Morrea (frazione di San Vincenzo Valle Roveto - L'Aquila): vd. scheda; * S. Francesco di Colonnella (Teramo): demolito nel XIX secolo; * S. Francesco di Torano Nuovo (Teramo): rudere; * S. Francesco a Cavallaro di Valle Castellana (Teramo): rudere; * Santa Maria di Loreto di Appignano (frazione di Castiglione Messer Raimondo - Teramo): vd. scheda.

Avvisi

CortOvidio - Concorso per studenti in occasione del bimillenario della morte di Ovidio.

L'associazione culturale Sulmonacinema organizza nell'ambito del 35° Sulmona International Film Festival 2017 il Premio ...

Nuovo bando di concorso per il Sulmona International Film Festival 2017 (SIFF)

L'edizione numero 35 del Sulmona International Film Festival (SIFF) si terrà dall'8 al 12 novembre 2017 a Sulmona, pre...

Legge Regionale n. 55/2013 art.40 Anno 2014 - Scorrimento graduatoria

Si comunica che con Determinazione n. DPH003/302 del 30.12.2016 è stato approvato lo scorrimento della graduatoria dei b...

Valid CSS!

Valid XHTML 1.0!