Sommario della pagina:
stampa questa paginastampa questa pagina
Personalizza lo stile

Pittura medievale provincia di Pescara

Affreschi. Chiesa di San Liberatore a Maiella

Comune:  Serramonacesca
Provincia:  pe
Come arrivare:  A24/A25 RM-PE uscita Alanno-Scafa/ proseguire in direzione Turrivalignani/ Manoppello/ Serramonacesca da Napoli: A1 NA-RM uscita Caianello/ seguire indicazioni per Castel di Sangro/ Roccaraso/ Sulmona/ A25 direzione Pescara uscita Alanno-Scafa/ proseguire in direzione Turrivalignani/ Manoppello/ Serramonacesca
Notizie:  Nella chiesa di S. Liberatore a Maiella sono presenti resti di due cicli di affreschi, appartenenti ad epoche diverse; il più antico risale all'epoca dell'abate francese Bernardo Ayglerio (1256-1282), la cui opera arricchì la chiesa da un punto di vista artistico sia attraverso la realizzazione del pavimento tesellato sia attraverso la stesura di affreschi sulle pareti e sull'abside. Purtroppo, nel corso dei secoli e soprattutto a causa di un lungo periodo in cui la chiesa rimase priva di copertura, la maggior parte degli affreschi è andata perduta. Gli affreschi medievali furono coperti durante il Cinquecento da altre pitture che di recente sono state staccate e riportate su pannelli attualmente esposti nella navata destra. Pur diversi nella forma stilistica, i due cicli trattano lo stesso tema, volto ad illustrare e a difendere privilegi, possedimenti e diritti feudali dell'abbazia di S. Liberatore. Le pitture duecentesche sono rimaste nell'abside e raffigurano gli episodi relativi alla storia del monastero. In una scena un monaco, probabilmente Teobaldo, offre un modellino della chiesa a S. Benedetto, in un'altra Sancio di Villa Oliveti dona i suoi possedimenti al monastero, in un'altra sono rappresentati Carlo Magno e, con una certa incertezza, il figlio Pipino fanciullo nell'atto di confermare il monastero all'ordine benedettino. Al centro era la figura di S. Benedetto che regge con la mano destra il pastorale di Vescovo-Abate della Diocesi Cassinese. Oggi solo parzialmente leggibile, quest'opera non ha una attribuzione certa, anche se qualcuno parla di un pittore Teodino, ma rappresenta senza dubbio un'importante testimonianza della pittura gotica dell'epoca.
Informazioni:  Abbazia di San Liberatore a Maiella tel. 085-859279/ 338-2727065 Curia diocesana tel. 0871-3591218; Municipio tel. 085-859416
Serramonacesca, Abbazia di San Liberatore a Majella, affreschi abside centrale
Serramonacesca, Abbazia di San Liberatore a Majella, particolare dell'affresco absidale
Serramonacesca, Abbazia di San Liberatore a Majella, particolare dell'affresco absidale 1