Sommario della pagina:
stampa questa paginastampa questa pagina
Personalizza lo stile

Scultura lignea Provincia di Teramo

Madonna dei Lumi. Santuario Santa Maria dei Lumi

Comune:  Civitella del Tronto
Come arrivare:  Da Roma: A24, uscita Teramo; proseguire per 21 km in direzione Civitella del Tronto. Da Bologna: A14, uscita Teramo/Giulianova/Mosciano S. Angelo; proseguire per 32 km in direzione Civitella del Tronto
Notizie:  Autore: Giovanni di Biasuccio. La Madonna cosiddetta "dei Lumi" è ancora oggi custodita e venerata nell'altare maggiore del Santuario ad essa dedicato. Importanti informazioni riguardo la paternità dell'opera e il suo periodo di realizzazione sono emerse in relazione al ritrovamento dell'atto di allogazione della Madonna di Ancarano a Silvestro dall'Aquila: il documento è datato 29 settembre 1489 e con esso Silvestro si impegnava a realizzare la propria scultura in analogia con quella "facta per magistrum Johannem Blasutii in castro Civitelle sub vocabolo gloriose Marie Luminis". Sulla base di tale indicazione documentaria è stato dunque possibile accertare che autore della Madonna dei Lumi fu Giovanni di Biasuccio e che essa fu eseguita sicuramente prima della realizzazione di quella di Ancarano. Da questo focale punto di partenza sono scaturite ulteriori ricerche che hanno prodotto interessanti informazioni riguardanti la vita e l'attività dello scultore, tra cui un sodalizio di lavoro con l'insigne maestro Silvestro, con il quale Giovanni di Biasuccio, l'8 dicembre 1471, stipulò un contratto di locazione di una "apotheca" nella città dell'Aquila. Dopo una serie di valutazioni ed ipotesi da parte dei vari studiosi, si è giunti a datare la Madonna di Civitella ad almeno dieci anni prima del 1489, proprio in relazione alla maggiore età dell'autore rispetto al suo autorevole collega aquilano. Volendo superare il dato storico, tali acquisizioni documentarie forniscono, per di più, un fondamentale contributo per la conoscenza dei legami che l'area aquilana intrattenne, intorno alla seconda metà del Quattrocento, con la cerchia fiorentina del Verrocchio, la cui impronta è facilmente rintracciabile nella scultura abruzzese del periodo. Nel caso della "Madonna dei Lumi" l'influenza verrocchiesca è testimoniata dallo splendido panneggio d'oro della parte inferiore, quella meglio conservata, che ha stimolato un accostamento al monumentale crocifisso ligneo nella chiesa di S. Margherita a L'Aquila. La "Madonna dei Lumi" viene festeggiata il 27 Aprile.
Informazioni:  Municipio tel. 0861-918321
Civitella del Tronto, Santuario di S. Maria dei Lumi, Madonna dei Lumi di Giovanni di Biasuccio, scultura lignea policroma, metà sec. XV