Sommario della pagina:
stampa questa paginastampa questa pagina
Personalizza lo stile

Siti Archeologici Provincia dell'Aquila

Fundus Malianus

Comune:  Magliano dei Marsi
Tipologia:  Necropoli
Come arrivare:  A24/A25 RM-PE uscita Magliano dei Marsi/ proseguire in direzione Magliano dei Marsi/ Rosciolo da Napoli: A1 NA-RM uscita Cassino/ seguire indicazioni per Sora/ Avezzano/ Magliano dei Marsi/ Rosciolo
Notizie:  Il paese ha una sua storia antica, testimoniata sia dalla struttura urbanistica, sia dalla presenza di edifici civili e di culto che sono sopravvissuti nel corso dei secoli e che hanno superato gli eventi sismici della Marsica. Scarse sono le conoscenze del periodo precedente al I millennio. Al Bronzo finale si possono far risalire i resti di una punta di lancia a cannone con manico allungato e una lama a faglia lanceolata, rinvenuti occasionalmente. Piccole testimonianze fanno pensare che un villaggio dovette sorgere alle falde del colle Lucciano, vicino all'ingresso del casello autostradale, dove in occasione di lavori di costruzione della stessa, furono rinvenute tombe arcaiche (VII-V secolo a.C.) con la presenza di gladi a stami, punte di lancia in ferro, spade in ferro con lama lanceolata, fibule a sanguisuga e del tipo Certosa in bronzo. A nord del paese in localitą Castellana, sono ancora visibili i resti dell'antico ocre a pianta ovoidale, delimitata da un terrapieno lungo il quale affiorano tracce di mura costruite con enormi massi sovrapposti senza malta. Sul Colle di Santa Lucia, nel centro storico del paese, sono dei resti di una Necropoli, che ha restituito numerosi dischi corazza, databili VII secolo a.C., ora conservati nel Museo Civico di Sulmona. Con il passaggio dei Romani in questo territorio e la fondazione della Colonia di Alba Fucens, nel 303 a.C., la nuova organizzazione porta alla scomparsa degli insediamenti fortificati d'altura ed alla nascita di vici con santuari e necropoli adiacenti. I ritrovamenti di numerose iscrizioni votive attestano le presenza nel territorio di un numero elevato di santuari. In Etą imperiale nacque il fundus Malianus, ubicato nella zona vecchia del paese. Al periodo dell'invasione gotica si deve la costruzione del castello sul Monte Carce, di cui sono ancora visibili i ruderi.
Informazioni:  Municipio tel. 0863-516201
Magliano dei Marsi, statuetta bronzea di Hercules Mingens